Berti Pichat Carlo

Berti Pichat Carlo

1831 - 1918

MULTIMEDIA
open popup
Bologna nella Restaurazione

Bologna nella Restaurazione, 1814 | 1873. Intervista ad Otello Sangiorgi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

www.vedio.bo.it#sthash.V0NR1vdM.dpuf

Informazioni

Carlo Berti Pichat (Bologna 30 dicembre 1799 - ivi, 15 ottobre 1878) era figlio di un ufficiale superiore dell'Esercito rivoluzionario francese e di Anna Berti. Studiò i classici, la matematica, la musica, le scienze naturali, l'agronomia, creandosi la cultura ad ampio raggio dell'uomo del suo tempo. Il padre tornò in Francia all'indomani della Restaurazione, mentre Carlo, ventenne, divenne erede delle vaste proprietà dello zio Andrea Berti, di cui assunse il cognome. Si dedicò all'amministrazione di queste ampie proprietà, site nel territorio di San Lazzaro, applicando innovazioni agronomiche ed economiche. Coinvolto nei moti del 1831, si dimostrò uomo di pensiero ma anche d'azione: guidò infatti una spedizione di Guardie nazionali verso Ferrara per opporsi all'avanzata delle truppe austriache. Fallito il moto, ritornò ai suoi campi ed agli studi di agricoltura. Nel 1839 contribuì al rinnovamento della Società Agraria, nel 1840 fondò il settimanale “Il Felsineo”, con l'intento di far crescere “l'arte campestre”, in un paese profondamente arretrato. “Il Felsineo” si distinse come fucina di intelligenze intenzionate a rinnovare dall'interno lo Stato Pontificio, in campo sociale ed economico. Vi parteciparono personaggi del calibro di Marco Minghetti, Luigi Tanari, Giovanni Massei, Rodolfo Audinot. Nel 1847, ritenendo il gruppo del Felsineo troppo morbido e troppo confidente in Pio IX, fondò con il fratellastro Augusto Aglebert “L'Italiano”, sulle cui pagine manifestò idee democratiche e radicali.
Nel 1848 torna ad essere uomo d'azione: organizza un battaglione di studenti, sospende le pubblicazioni dell'”Italiano” e parte per la Prima Guerra di Indipendenza. Eletto deputato alla Costituente Romana sul finire del 1848, partecipa alla Repubblica Romana, dichiarando “guerra al vizio e ai despoti” e auspicando una repubblica “valorosa e onesta” e una Italia unita. Il 2 aprile 1849 viene nominato Ministro dell'Interno della Repubblica, con il compito di controllare personalmente i mali ed i problemi dei territori dello Stato. Alla caduta della Repubblica ritorna a Bologna, ma se ne deve allontanare per “perpetuo bando”. Trova asilo in Piemonte, dove torna ad occuparsi della sua prediletta agricoltura. Nei dieci anni piemontesi inizia la stampa di un poderoso lavoro in 28 volumi, Istituzioni scientifiche tecniche ossia Corso teorico e pratico di agricoltura, pubblicato da Pomba a Torino tra il 1851 ed il 1870. Tornato a Bologna nel giugno del 1859, dopo la liberazione dal potere pontificio e dagli austriaci, Berti Pichat viene eletto all'Assemblea delle Romagne e scelto come membro della Commissione legislativa che avrebbe dovuto guidare il passaggio degli nuovi territori alla legislazione sabauda. Deputato dal 1860 sino al 1868, è molto critico verso l'ambiente moderato ed in particolare minghettiano, molto forte e radicato a Bologna. Nominato senatore nel 1874, ebbe gli ultimi anni travagliati dal dolore per la prematura scomparsa dei due figli maschi. Un suo ritratto in marmo venne realizzata per il Pantheon della Certosa nel 1880 e una versione in gesso, oggi custodito nei depositi del Museo, venne collocato nella Sala del Risorgimento inaugurata in Bologna il 12 giugno 1893.

Mirtide Gavelli

Bibliografia:
A. Berselli, Carlo Berti Pichat, in Il Parlamento italiano 1861-1988, vol.1, 1861-1865: l'Unificazione italiana da Cavour a La Marmora, Milano, Nuova CEI, 1988, pp.192-193.

Eventi

Altri luoghi

Persone

Tanari Luigi

Tanari Luigi

Morta/o a Bologna nel "lungo Ottocento" il 3 aprile 1812
Ha lavorato con