MULTIMEDIA
open popup
Sulle orme del poeta: la casa di Carducci a Bologna

Istituto Luce - You Tube: Sulle orme del poeta: la casa di Carducci a Bologna, 1949

open popup
I sovrani inaugurano il monumento a Carducci

Istituto Luce - You Tube: I sovrani inaugurano il monumento a Carducci, 1928

open popup
Le celebrazioni carducciane

Istituto Luce - You Tube: Le celebrazioni carducciane, 1935

open popup
Il Campo Carducci nella Certosa di Bologna

Dal canale You Tube "Storia e Memoria di Bologna". Scheda video descrittiva del Campo carducci nella Certosa di Bologna.

open popup
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

open popup
Bologna: 12 giugno 1859

Bologna, 12 giugno 1859 e la dittatura di Luigi Carlo Farini. Intervista a Fiorenza Tarozzi. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

DOCUMENTI
Amico del Popolo (L')
Tipo: PDF Dimensione: 7.81 Mb

L'Amico del Popolo, Giornale dell'Emilia per la democrazia italiana; anno 1 n. 263, 21 novembre 1867. Bologna, Tipografia degli Agrofili italiani.

Leonardo Bistolfi
Tipo: PDF Dimensione: 95.44 Kb

Testo tratto da: Gida Rossi, Da ieri a oggi: (le memorie di una vecchia zitella), Cappelli, Bologna, 1934. Trascrizione a cura di Lorena Barchetti

Informazioni

Poeta e storico della letteratura italiana, editore di testi e filologo, critico militante, "istitutore" e organizzatore di attività culturali nell'Italia unita, Giosue Carducci è stato un vigoroso protagonista della società nostra del secondo Ottocento. Ne ripercorriamo la vicenda biografica e intellettuale dalla giovinezza vissuta in Toscana alla maturità trascorsa a Bologna, dove è rimasto profondo il segno del suo alto magistero.

Cronologia della vita (a cura del Museo Casa Carducci)
www.casacarducci.it
1835: Nasce il 27 luglio a Valdicastello (Lucca) da Michele, medico condotto e da Ildegonda Celli.
1838-1856: Vive in Maremma, a Bolgheri, quindi dal 1849 a Firenze dove compie gli studi presso la scuola dei Padri Scolopi. Si laurea nel 1856 in filosofia e in filologia presso la Scuola Normale Superiore di Pisa.
1857: A San Miniato, dove insegna presso il Ginnasio, pubblica il primo libro di poesie, le Rime.
1860: il 18 agosto è chiamato dal Ministro della Pubblica Istruzione a ricoprire la cattedra di eloquenza italiana presso l'Università di Bologna dove vive con la famiglia fino alla morte.
1865: Pubblica l'Inno a Satana, composto nel 1863.
1870: muoiono il figlio Dante e la madre.
1872: Conosce Carolina Cristofori Piva e se ne innamora.
1877: Viene stampata la prima edizione delle Odi barbare.
1878: Incontra la famiglia reale a Bologna e dedica a Margherita di Savoia l'ode Alla Regina d'Italia.
1882: Pubblica i Giambi ed epodi.
1886: Viene nominato Accademico della Crusca e rientra nella Massoneria a Roma, dopo un lungo periodo di polemica separazione.
1887: Pubblica le Rime nuove.
1890: Viene nominato senatore.
1899: È colpito da un grave attacco di paralisi. Escono Rime e ritmi.
1906: il 10 dicembre gli viene conferito il Premio Nobel per la letteratura.
1907: Si spegne nella notte fra il 15 e il 16 febbraio.


Di fronte all'Ossario dei Caduti della Prima Guerra Mondiale si apre il Campo Carducci, una vasta area rettangolare delimitata da siepi e belle alberature, chiusa a sud dal cenotafio del poeta Giosue Carducci; una scalea sulla quale è collocata un'ara di granito egiziano, dono degli Italiani all'estero nel 1935, in occasione del Centenario della nascita dello scrittore. Vennero così traslati, durante il regime fascista, i resti del poeta dalla sua tomba di famiglia in questo contesto decisamente monumentale e in rapporto visivo col monumento ai caduti della Grande Guerra (in cui venne collocato anche il corpo di Ugo Bassi) e dei Martiri fascisti. La parte visibile costituisce il monumento cenotafio, mentre le sepolture si trovano nella cripta sottostante. Trovano qui riposo, oltre al poeta, la madre Ildegonda Celli, la moglie Elvira, i figli Francesco, Dante, Beatrice, Laura e Libertà. A fianco del monumento si trovano il sepolcro di Enrico Panzacchi e la tomba di Severino Ferrari, poeta bolognese di gentile e umanissimo cuore; lungo il percorso che costeggia l'antico muro di cinta, vi è la sepoltura del latinista e sodale all'Alma Mater Studiorum, Giovanni Battista Gandino. All'indomani della morte di Carducci sorse subito l'esigenza di costruire alla sua memoria un monumento onorario, la cui esecuzione fu affidata a Leonardo Bistolfi (1859 - 1930), mentre per la collocazione si giunse alla contrastata decisione di erigerlo vicino all'ultima dimora del poeta (oggi sede di Casa Carducci e del Museo civico del Risorgimento), all'interno del giardino. Il monumento, in marmo di Carrara, fu progettato nel 1909, ma venne inaugurato il 12 giugno 1928, alla presenza di Vittorio Emanuele III e della regina Elena. Il baricentro dell'opera è rappresentato dalla figura del Poeta, seduto; a sinistra il gruppo della Natura; a destra in modo non simmetrico, il gruppo del Sauro destrier della canzone, raffigurante la feconda Fantasia e la Tecnica che la disciplina. Il grande altorilievo sullo sfondo rappresenta la sintesi dell'opera letteraria di Carducci, evidenziandone i caratteri morali, Amore e Forza.

La lapide in marmo collocata nella cripta recita:
ILDEGONDA CELLI VED. CARDUCCI / FIORENTINA / MORTA IL III FEBBRAIO MDCCCLXX. / QUI SOTTO COI NEPOTI PARVOLI FRANCESCO E DANTE / ASPETTA / GIOSUE CARDUCCI / NATO IL 27 LUGLIO 1835 – MORTO IL 16 FEBBRAIO 1907 / ELVIRA MENICUCCI VED. CARDUCCI / NATA IL 16 MAGGIO 1834 - MORTA IL 3 MAGGIO 1915 / LAURA CARDUCCI VED. GNACCARINI / NATA IL 21 MARZO 1863 – MORTA IL 23 AGOSTO 1940 / BEATRICE CARDUCCI BEVILACQUA / 1859 – 1951 / LIBERTA’ CARDUCCI MASI / 1872 – 1964

Sulla destra è invece collocata una lapide bronzea con bassorilievo che recita:
A . GIOSVE’ . CARDUCCI . GRANDE . ASSER= / TORE . E . PROPVGNATORE . DELL’IM= / PRESCRITTIBILE . DIRITTO . DELLA . PA= / TRIA . AI . SVOI . TERAMINI . GIVSTI . QVE= / STO . BRONZO . OMAGGIO . PROMESSO / IL . DI’ . CHE . ESSA . MOVEVA . A . RIVENDI= / CARLI . COLL’ARMI . GL’ITALIANI . DEL= / L’ARGENTINA . AVSPICI . IL . COMITATO / BONAERENSE . DELLA . ‘DANTE ALI= / GHIERI’ . CONSACRARONO . VNA . NIMI / CONCLAMANDO . DALL’OSPITE . TERRA / LONTANA . ITALIA ITALIA ITALIA! / NELL’ORA . CHE . SVGELLO’ . VITTORIO= / SA . LA POSTREMA . E . MAGGIORE . GVER= /RA . DEL RISORGIMENTO . NAZIONALE

Opere

Eventi

Altri luoghi

Persone

36 biografie:

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z 0-9 TUTTI