Guerrini Olindo

Guerrini Olindo detto Lorenzo Stecchetti, Argia Sbolenfi, Mercutio

1845 - 1916

MULTIMEDIA
open popup
Il Canto dell'odio

Paolo Poli - Il canto dell'odio di Lorenzo Stecchetti, alias Olindo Guerrini

DOCUMENTI
Bologna che Dorme
Tipo: PDF Dimensione: 8.17 Mb

Bologna che dorme. Anno1, n. 1 - 8 dicembre 1898. Bologna, Società Cooperativa Tipografia Azzoguidi

Bologna che Dorme
Tipo: PDF Dimensione: 8.20 Mb

Bologna che dorme. Anno 2, n. 2 - 12 gennaio 1899. Bologna, Società Cooperativa Tipografia Azzoguidi

Bologna Russa
Tipo: PDF Dimensione: 1.50 Mb

Bologna Russa. Anno 2, supplemento al n. 10 di 'Bologna che Dorme', 9 marzo 1899. Bologna, Società Cooperativa Tipografia Azzoguidi

Bologna che dorme
Tipo: PDF Dimensione: 3.46 Mb

Bologna che dorme. Anno 2, n. 35 - 31 agosto 1899. Bologna, Società Cooperativa Tipografia Azzoguidi.

Bologna Città della Musica
Tipo: PDF Dimensione: 458.72 Kb

Bologna vanta una tradizione musicale così ricca da aver meritato la nomina dell’Unesco a Città Creativa della Musica, prestigioso riconoscimento che si fonda sulle eccellenze del passato e sulla ricchezza delle proposte del presente.

Informazioni

Poeta, bibliotecario e scrittore. Nasce a Forlì nel 1845 da Angela Giulianini e Angelo, farmacista. Terminati non senza difficoltà gli anni di studio in collegio a Ravenna, nel 1865 si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza a Bologna. Terminati gli studi comincia a lavorare presso la locale Biblioteca Universitaria. Influenzato dalla poetica carducciana se ne distingue presto con il suo tono scanzonatorio, ironico, giocoso, irriverente. Poeta anticonformista e attento al sociale, fu popolarissimo in tutta Italia. Spesso le sue opere erano firmate con lo pseudonimo di Lorenzo Stecchetti, soprattutto per le opere più anticonformiste e anticlericali. Nel vasto repertorio a stampa si ricorda il "Canto dell'odio", certamente una delle sue opere più note e graffianti, in contrasto con altre sue creazioni dal tono decisamente più bonario e 'borghese'. Verseggiò pure in dialetto romagnolo e veneto. Collaborò con diverse riviste nazionali e nel 1874 fonda Il Matto. Fu consigliere comunale a Ravenna (1870) e Bologna (1889), e appassionato di fotografia e cucina. Per la bicicletta ebbe una passione sfrenata, tanto che Edmondo De Amicis scrisse il Guerrini, probabilmente, va pedalando per l’Italia. Nel 1872 creò una biblioteca popolare che provvedesse al “mutuo soccorso intellettuale”. Ancora oggi le opere di Stecchetti sono fonte di ispirazione, basti ricordare le numerose interpretazioni teatrali compiute dall'attore Paolo Poli.

Olindo Guerrini muore a Bologna il 21 ottobre 1916. E' sepolto nel Cimitero della Certosa, Sala del Colombario, nel pozzetto di famiglia 877.

Opere

Eventi

Altri luoghi

Persone